Oltre gennaio: che cosa ci aspetta nel 2019? (parte 1)
 
wk4_jan_2018_040.png

Nel suo tweet del sabato 19 gennaio, Donald J. Trump dice una parte di verità: non quando parla dell’economia (le cose NON stanno come lui scrive) ma forse sulla Borsa, quando gli è scappato di scrivere che “noi abbiamo FATTO molti record di Borsa!”.

In effetti, è così: in quell’anno assurdo che fu il 2017, fu proprio lui, ed il suo staff, ad agire sui media e sugli investitori più piccoli (e meno protetti dall’industria del risparmio) per alimentare quel clima di euforia che, rivisto oggi, risulta non soltanto patetico ma pure pericoloso.

Ma Trump non scrive soltanto del passato: guarda anche al futuro, e dice che la Borsa USA è pronta a “far registrare nuovi record”. Ha ragione? E’ un buon consulente finanziario il grande Donald? E’ forse il prototipo dei nostri promotori finanziari, quelli sempre impegnati a tranquillizzare il Cliente dicendo che “tutto è sotto controllo” e che “bisogna guardare al lunghissimo periodo”?

Il tempo ci darà la risposta: ma non è che si possa del tutto ignorare la sentenza uscita dai mercati di tutto il Mondo nel 2018.

Oggi, non c’è solo Trump ad alimentare le speranze di riscatto della Borsa di New York, e più in generale di buon andamento per TUTTI i mercati finanziari. Leggete, qui sotto, le più recenti previsioni di Goldman Sachs (anche per tassi, valute e materie prime).

wk4_jan_2018_004.png

Avrà ragione Goldman Sachs, che guarda al prossimo futuro dei portafogli con il massimo ottimismo? Oppure ci sono ragioni per adottare un atteggiamento più scettico, più critico, più analitico, e più attivo? Oppure, la cosa migliore è restare lì sedute e stare a guardare dove andranno i mercati ed il Mondo con loro?

I lettori del Blog sanno perfettamente come Recce’d risponde alla domanda (retorica, per ciò che ci riguarda) scritta qui sopra.

E sono moltissimi, i dati di fatto i dati concreti, a supporto di questo nostro modo di ragionare sui mercati e di valutare gli assets.

Va detto che, anche senza particolari sforzi di valutazione, forse potrebbe essere sufficiente rivedere la storia del 2018 della Borsa di New York, come si fa ad esempio qui sotto nel grafico. Trump, e Goldman, apparentemente hanno rimosso i fatti più recenti.

wk4_jan_2018_028.png

Detto questo, ci sono fatti e dati di ben superiore sostanza.

Uno tra questi, di notevole importanza, è quello che vi dimostra perché, nel suo tweet, Donald J. Trump ha mentito quando ha scritto che l’economia reale va benissimo.

wk4_jan_2018_002.png

Ne aggiungiamo un secondo: nulla, ma proprio nulla, è cambiato nelle mosse concrete delle Banche Centrali, e le implicazioni sono quelle che potete vedere sotto nel grafico. Nelle ultime settimane sono cambiate le parole, è vero, ma di cambiamenti nei fatti, nelle mosse della politica monetaria, stanno a ZERO.

wk4_jan_2018_003.png

Purtroppo per Donald J. Trump abbia mentito lo dicono e lo pesano anche gli americani: i più recenti indici di fiducia (a cui Trump da sempre attribuisce tanta, troppa importanza) hanno del tutto cancellato il famoso, o famigerato, effetto Trump. Il grafico che segue ve lo racconta, ed il dato è incontestabile: l’indice è tornato ai livelli di novembre 2016, e quindi … Trump è stato completamente cancellato. Del tutto.

wk4_jan_2018_035.png

E sono gli stessi mercati, a dirci con massima chiarezza, che NON è vero che tutto è di nuovo come prima. Potete vedere nel grafico che chiude il Post che l’indice VIX, quello che misura le PREVISIONI degli investitori per la volatilità futura della Borsa di New York, è sceso moltissimo in queste quattro settimane, ma resta superiore (del doppio) ai minimi toccati di recente.

wk4_jan_2018_037.png

Ai lettori, suggeriamo di pensare che nulla di ciò che oggi vedete sui mercati, e leggete a proposito dei mercati, resterà uguale, o molto simile, da qui a qualche settimana.

Mercati oggiValter Buffo
Una leggenda di nome Bogle
 
wk4_jan_2018_022.png

Uno dei più grandi, e forse il più grande della sua epoca. Questo è, a nostro giudizio, John Bogle, un uomo che è stato capace di trasformare una sua intuizione in qualche cosa che ha modificato la nostra vita di investitori, ed anche quella degli investitori delle prossime generazioni. Quale è stata, questa sua originale intuizione? Che i Fondi Comuni di Investimento servissero a nulla, se non a pagare le commissioni di chi li vende al Cliente finale.

Jack Bogle, the founder of the Vanguard Group and father of indexing who died Wednesday, didn’t just get the last laugh. He got virtually every laugh. That’s because he bet his entire career and his mutual-fund firm on the notion that the vast majority of active fund managers would be unable to beat a simple index fund. And there was hardly a single calendar year since 1976, when he created the Vanguard 500 Index Fund in which he was wrong. It’s a testament to his vision that the fundamental principal on which he based the index fund is now so widely accepted as to be considered uninteresting — even boring. When he started the fund, that fundamental principle was ridiculed as “un-American” and a “sure path of mediocrity,” according to Vanguard’s announcement of Bogle’s passing. Since 1980, only one of 20 of them (Mutual Funds), on average, has beaten the market. Of course, Bogle enjoyed lots of last laughs, not just over the triumph of indexing. Another was on the overriding virtue of low fees and expense ratios. Unlike what was the case in 1976, now it is widely accepted as self-evidently true that lower is better. And in a backhanded tribute to Bogle, major mutual-fund companies have recently stopped trying to justify higher fees and instead begun actively competing with Vanguard to offer the cheapest index funds, including zero-expense index funds.

Non basterebbero cento pagine, per riassumere i cambiamenti indotti dalle iniziative di Bogle e della sua Vanguard sul mercato dei servizi al risparmiatore e per l’investimento. Oggi, in questo Post, noi ne metteremo alla luce uno, mentre molti altri li abbiamo discussi, in passato, anche nel nostro Blog e poi nelle pubblicazioni per i Clienti. In un mercato che oggi è dominato dagli ETF, ETN ed ETP (grafico qui sotto), il “placing power”, ovvero la “capacità di vendita”, ovvero di indirizzare le scelte del Cliente finale, conta zero. Tutta l’industria della vendita di Fondi Comuni, al contrario è impegnata nel farvi credere che un Fondo con l’etichetta “Carmignac” (nome preso del tutto a caso) è meglio del Fondo Comune di JP Morgan (altro nome a caso), oppure viceversa. Decine di migliaia di venditori sono stati formati a fare questo “mestiere”. I nomi delle Società, in questo contesto, non hanno alcun particolare significato (se ne potrebbero fare a decine) e noi qui li facciamo unicamente per esemplificare una consuetudine di mercato che però (lo dimostrano decine di migliaia di dati statistici) produce nulla di nulla a favore del Cliente finale. Bogle diceva queste cose, ma 50 anni fa. Le diceva, e poi le ha anche fatte: ed ora, almeno una parte degli investitori si è liberata di quel peso assurdo. Come disse Warren Buffett di Bogle: “A lot of Wall Street is devoted to charging a lot for nothing. He charged nothing to accomplish a huge amount. “

wk2_jan_2019_047.png
Mercati oggiValter Buffo
Dentro il 2019: non dimenticatevi che ... (parte 5)
 
wk3_jan_2019_057.png

Molti pensano di avere già vinto. I molti che qualche anno fa sostenevano che “con MIFID II” non cambierà nulla oggi credono di potere cantare vittoria.

Di avere dimostrato che nulla è cambiato, e che loro sono in grado di mantenere il controllo (oggi, elevatissimo) sui Clienti e di potere quindi continuare a prendere, dalle loro tasche, gli stessi soldi di prima.

Ma sono dei sognatori, ad occhi aperti. Ricordate la “crescita globale sincronizzata di 12 mesi fa”? In un altro ambito, ma è la stessa cosa. Identica.

Poi tutto verrà giù in pochi mesi, e quei signori diranno di “non avere capito”.

Cari lettori, stiamo parlando di voi: proprio di voi, e dei vostri interessi. Di voi che siete clienti di questo o quel Private Banking, di questa o quella Rete, e che però venite a leggere su questo ed altri siti, per “capire meglio”, ovvero capire quello che mai nessuno vi spiega.

Stiamo parlando esattamente di voi: che ancora non vi siete resi conto che (da anni) è iniziato un cambiamento epocale, sia dei mercati sia dell’industria che ci lavora. Cambiamento che presto arriverà (senza il minimo preavviso) alla vostra Banca, alla vostra Rete di vendita, al vostro cosiddetto private banker, al vostro cosiddetto consulente.

Come uno tsunami, il cambiamento sarà travolgente: e a voi non conviene di stare lì, ad aspettare fino a che … non si vede l’onda all’orizzonte. I licenziamento in Blackrock (proprio la “mitica” Blackrock) di qualche giorno fa sono un segnale chiarissimo: se questi licenziano con lo S&P 500 a 2600 punti e con Trump alla Casa Bianca, pensate un po’ voi che cosa li aspetta da qui in avanti …

Ai sognatori di cui scrivevamo più in alto, deve quindi arrivare un messaggio chiaro. Stiamo arrivando, è nei fatti.

Ci sono in giro un sacco di business oggi che CREDONO di avere un valore, ed invece valgono ZERO, o meno.

wk2_jan_2019_047.png
Mercati oggiValter Buffo
Dentro il 2019: non dimenticatevi che ... (parte 4)
 

Non dimenticate di tenere alto lo sguardo, come abbiamo detto oggi in un Post precedente.

E non dimenticate che, al di sopra di ogni altro problema, ce ne sta uno che pesa più di tutti.

E non sparirà.

wk3_jan_2019_052.png

Non lo diciamo noi di Recce’d: lo dice il Capo della Federal Reserve, come leggete sopra.

wk3_jan_2019_053.png

Come dicono nell’immagine sopra, proprio questa potrebbe essere la prossima “narrativa” dominante sui mercati finanziari: il peso del debito, e il fallimento dei QE. Che, come ci ricorda il grafico qui sotto, stanno andando verso la fine.

wk3_jan_2019_003.png
Mercati oggiValter Buffo
Dentro il 2019: non dimenticatevi che ... (parte 3)
 

Come dice il titolo qui sotto, nell’era dei Trump i fatti non contano più, e conta solo la “narrativa”.

E proprio quest’ultima settimana ha registrato un importante cambio di “narrativa”: dopo i “miraggi”, adesso è arrivata la “pazienza”.

wk3_jan_2019_058.png

Allora è vero che i mercati seguono la “narrativa”?

Verissimo, ma solo nel breve termine: i fatti prevalgono sempre su qualsiasi “narrativa”, come ha dimostrato il biennio 2017-2018 dei mercati finanziari, e non solo.

Il caso più clamoroso, di cui (come vedete sotto) si scrive ancora oggi, è il (drammatico) passaggio dalla “crescita globale sincronizzata” al “rallentamento globale sincronizzato” nello spazio di mesi.

Le ragioni per le quali noi siamo qui, e ciò che ogni consulente che sia professionale dovrebbe fare, è proprio quello di aiutare il Cliente che investe a distinguere, e quindi a tenersi ben lontano dalle “narrative” ed occuparsi al contrario solo dei fatti. Questa è, da sempre, una delle nostre missioni verso il Cliente. Missione compiuta, nel 2017 e 2018.

Perché ripetiamo oggi questa cosa? Non per auto-compiacimento, ma per ribadire due concetti:

  1. il 2019 dei mercati finanziari sarà del tutto diverso da come oggi lo raccontano le banche di investimento, CNBC, e i media in generale

  2. come leggete nell’immagine sotto, oggi il punto principale è l’incertezza sugli Stati Uniti; e su questo Recce’d è al lavoro già da settimane

wk3_jan_2019_065.png
Mercati oggiValter Buffo
Dentro il 2019: non dimenticatevi che ... (parte 2)
 

Non dimenticate che per investire con successo, e proteggere il patrimonio, è necessario seguire gli sviluppi delle cose giorno per giorno, ma pure tenere sempre lo sguardo alto, sapere staccarsi dalla concitazione della realtà quotidiana dei mercati, seguire una strategia ed avere una visione.

A questo scopo, a volte, risulta utile … ritornare un po indietro nel tempo.

Ad esempio, la settimana scorsa la Federal Reserve ha pubblicato, per la prima volta, le trascrizioni complete delle riunioni del suo Board nel 2013.

Rileggere queste trascrizioni è utilissimo, e per più ragioni. Ci ricorda il contesto nel quale si investiva allora, che risulta per molti aspetti il medesimo contesto in cui siamo oggi. Ci dice come la vedeva Jay Powell quattro anni fa, e forse come la vede ancora oggi che è a capo della Fed. E ci ricorda che per i mercati (e quindi per i nostri investimenti) i problemi da risolvere erano, e sono ancora oggi, enormi, anche se ogni giorno qualcuno ci ripete che “non c’è problema”. Proprio allo scopo di ingannare noi investitori finali.

Vi lasciamo quindi alla lettura di una serie di estratti da quei Verbali del 2013. Qauttro anni fa: eppure, sembra che si stia discutendo proprio di ciò che accade oggi.

wk3_jan_2019_059.png
wk3_jan_2019_060.png
Mercati oggiValter Buffo
Dentro il 2019: non dimenticatevi che ... (parte 1)
 

Quando, durante la giornata, oppure la sera, date un’occhiata ai mercati per vedere ciò che è successo, e decidere eventualmente che cosa fare, non limitatevi a prendere nota di rialzi e ribassi. Chiedetevi anche, sempre, quali sono le ragioni che li determinano. Chiedetevi sempre quali sono i fattori che dominano, nella fase di mercato che è in corso.

Ad esempio, sui recenti rialzi della Borsa di New York, leggete ciò che scrive oggi JP Morgan.

wk3_jan_2019_061.png

Vi sarà molto utile, in aggiunta, ricordare che negli ultimi mesi la strategia di portafoglio vincente è stata quella di VENDERE, e non di COMPERARE.

wk3_jan_2019_004.png

In questo modo, potrete valutare meglio se questo recente rimbalzo è una occasione per vendere, oppure per comperare ancora.

wk3_jan_2019_046.png

Ma soprattutto potrà essere una utile occasione per riflettere sul ruolo del CASH nei vostri portafogli. Il CASH è stato il vero dominatore nei portafogli nel 2018: sarà vero che la tendenza adesso si è invertita, come dice qui sotto il titolo di Bloomberg?

wk3_jan_2019_044.png
Mercati oggiValter Buffo
Cambiano i temi di mercato (7): e ritorna in prima pagina l'Europa
wk3_jan_2019_006.png

In un sabato tranquillo del gennaio 2019, finisce in prima pagina su tutti i quotidiani in Italia il rischio della recessione.

I nostri Clienti, ed anche chi segue il sito, sanno benissimo e da mesi che in questi recenti dati per la produzione industriale non c’è la minima novità, non c’è alcuna sorpresa. E sanno altrettanto bene che il problema non riguarda soltanto l’Italia.

wk3_jan_2019_021.png

Come sanno benissimo i nostri lettori, Recce’d vede questi dati (che interessano l’intera Europa, come vedete qui sotto nel grafico) come fortemente intrecciati con la situazione politica, che nel 2019 vedrà crescere ancora le incertezze.

wk3_jan_2019_055.png

Alle incertezze della politica, per l’Europa si aggiunge in questo momento l’incertezza che riguarda la BCE, sia nella persona di Draghi sia nelle modalità di uscita dal QE, in un contesto macroeconomico che resta molto complesso (grafico qui sotto).

Tanti quindi i “temi da prima pagina”: e voi come tenete conto di questi dati di fatto, nelle vostre scelte per gli investimenti oggi?

wk3_jan_2019_030.png
Mercati oggiValter Buffo