Dopo Ferragosto 2019: come difendersi dal Trump 2.0

 

Trump due punto zero. Perché Trump, quello delle Elezioni, quello che avete visto ed ascoltato fino a qualche mese fa, è un uomo del passsato, sparito, finito.

week_03_aug_2019_009bis.png

Il parere non è soltanto nostro: ormai ogni giorno, nel confronto con i nostri corrispondenti dalle piazze di New York, Londra e altre sedi del mercato finanziario internazionale, raccogliamo parere unanimi a questo proposito.

Da qualche mese, quel Trump sicuro di sé, e forse arrogante, e persino sbruffone, che avrebbe risolto con pochi gesti anche i più grandi problemi, si è trasformato in un piagnucolone che chiede ogni giorno alla mamma Fed di tagliare i tassi, in un esitante fanciullo che allunga la mano verso la Cina, poi la ritira, poi però ha paura e la allunga nuovamente, in un indeciso ragazzino che esita quando si tratta di dichiarare i propri sentimenti, che in questo caso non sono per la compagna di banco bensì verso un paffuto dittatore coreano.

Questo è il Trump che si presenterà al giudizio degli Elettori americani nel 2020: e potete essere certi che non arriverà a quella scadenza in simili condizioni. Potete essere certi che inventerà, che tenterà, che rischierà, che azzarderà.

week_03_aug_2019_009.png

Il risk management, nei portafogli, è una attività dedicata proprio a questo tipo di problemi: i metodi di simulazione con modelli probabilistici, che Recce’d impiega per valutare scenari alternativi, ci aiutano a gestire non tanto i “known unknowns” (quello lo sanno fare più o meno tutti) bensì i cosiddetti “unknown unknowns”, che in italiano significa le variabili che non si conoscono. Quello è rischio: il resto, è semplice incertezza.

Questo rischio non può né mai potrà essere rappresentato con schemi semplici (che adesso poi fanno anche un po’ ridere) come la varianza storica. I ribassi potenziali, nel vostro attuale portafoglio, li dovete valutare alla luce dei tanti “unknown unknowns” che i mercati dovranno, inevitabilmente, affrontare nei prossimi mesi. Donald J. Trump è uno dei più grandi, anche se non è certo l’unico.

week_03_Aug_2019_019.png
Mercati oggiValter Buffo