I fatti che determinano i rendimenti (parte 9)

Tra i fatti che determineranno i vostri rendimenti, nelle prossime settimane e mesi, ce ne sono alcuni che nessuno mette in evidenza.

Partiamo con un sguardo alla crescita Globale: il grafico qui sotto si commenta da solo.

wk5_aug_2018_002.png

Passiamo agli USA: l'indice calcolato da Citigroup per le sorprese che sono arrivate dai dati macroeconomici (la linea rossa nel grafico) è sceso SOTTO ZERO in agosto, e adesso addirittura è più basso di quello dell'Eurozona.

wk5_aug_2018_016.png

Come leggete nell'immagine che segue, ci sono segnali dello stesso tipo che arrivano dai prezzi delle materie prime.

wk5_aug_2018_011.png

E dagli indici di Citigrup per le sorprese macroeconomiche oggi il segnale è negativo (con una sola eccezione che è il Regno Unito)

wk5_aug_2018_017.png

E persino i sondaggi PMI, che per noi sono famigerati, ma sui quali solo 10 mesi fa tutta l'industria delle banche di investimento e dei Fondi Comuni aveva montato la storiella della "crescita globale sicnronizzata", oggi danno segnali ben diversi, come vedete qui sotto nel grafico.

wk5_aug_2018_018.png

Per concludere, segnaliamo che anche una banca "tifosissima" della crescita economica, come Goldman Sachs, ha appena rivisto, al ribasso, le previsioni per i rendimenti obbligazionari. Vi proponiamo la tabella che segue. E vi chiediamo: il vostro portafoglio è già organizzato in modo da tenere conto di questi dati di fatto?

wk5_aug_2018_006.png