La grande ritirata. Preparatevi al Nuovo Mondo.

CPI_US_Sept_2017.png

I dati di questa settimana (tra sabato 9 settembre e giovedì 14 settembre) hanno chiarito una cosa: nei prossimi 12 mesi, tutte le Banche Centrali del Mondo saranno costrette alla ritirata.

Una fase è finita: l'inflazione è tornata la 2% sia negli Stati Uniti, sia in Germania, sia in Cina. E sta al 3% nel Regno Unito. Le scuse, le vie di fuga, le scappatoie adesso sono finite.

Avremmo dovuto trovare, al fondo di questo percorso, un'economia reale forte e scoppiettante, che cresce del 3% ed oltre ogni anno: non è andata così. Il fatto che i rendimenti delle obbligazioni a lungo termine (10 anni) non salgono MAI è la vostra grande opportunità: da lì dovete cominciare e riflettere sui vostri portafogli.

Facevano comodo, quei tassi a zero ed tutto quel denaro del QE: specie a qualcuno. Ma come detto quella fase è finita: e gli stessi personaggi che sono sopravvissuti, e poi si sono arricchiti, solo grazie alle politiche monetarie delle Banche Centrali oggi in pubblico prendono le distanze. Eccovi due testimonianze.

1.      La prima arriva da Goldman Sachs: anzi, dalla persona che da più di 10 anni sta a Capo di Goldman Sachs, la più grande banca di investimenti del Mondo. Lloyd Blanfkein ha rilasciato queste dichiarazioni al Wall Street Journal la settimana scorsa: Chairman Lloyd Blankfein on Wednesday sounded a warning about the markets, saying that some of what he sees “unnerves” him. Mr. Blankfein said the current market environment “doesn’t feel like tulip-bulb-mania,” a reference to the famous speculative bubble in the Netherlands in 1637, but was nonetheless concerning. “Things have been going up for too long,”-

2.      La seconda arriva da Deutsche Bank, che è la più grande banca di investimenti europea: anche qui, stiamo parlando del Capo assoluto del gruppo, il CEO. Vediamo le sue parole, come le ha raccolte Bloomberg: Deutsche Bank Chief Executive Officer John Cryan called for an end to the era of cheap money in Europe, saying that the prolonged period of rock-bottom interest rates is starting to inflate asset bubbles and putting the bank at a disadvantage to U.S. rivals. Cryan, speaking at a conference in Frankfurt, said the continent should “wave goodbye” to loose monetary policy because while it helped banks, financial markets and individual countries emerge from the financial crisis, it’s now causing “ever greater upheaval.” That’s reflected in sovereign bond and high-risk bond yields being close to historically low levels as well as real estate prices in the Group of Seven countries near record highs and low market volatility, he said.  “We are now seeing signs of bubbles in more and more parts of the capital market where we wouldn’t have expected them," Cryan said, adding that the interest-rate policy has been partly responsible for the decline in earnings at European banks. “I welcome the recent announcement by the Federal Reserve and now also from the ECB that they intend to gradually bring their loose monetary policy to an end.”

I vostri portafogli sono pronti alla Nuova Realtà, che è descritta nella tabella qui sotto (che è della Banca Pictet)?

Oppure vi piace rischiare e vedere se ... magari abbiamo fortuna ed andrà avanti così per sempre?

CPI_US_Sept2_2017.png