I nodi che vengono al pettine (2): c'è troppo debito

C'è un solo punto, che per importanza svetta su tutti, e intorno al quale ruota l'intero panorama finanziario internazionale da almeno un anno a questa parte. E' un punto che condiziona anche, in modo sempre più evidente, l'operato delle Banche Centrali, seppure si tratti di una anomalia che è stata creata proprio dalle operazioni delle Banche Centrali, che proprio per questo decisero di ignorarlo. Finché è stato loro possibile.

Oggi non è più possibile, ed infatti se ne parla in modo aperto anche sui giornali. E consentiteci di scrivere che i nostri Clienti, ed i nostri lettori, ne sono astati avvertiti con almeno due anni di anticipo.

C'è in giro troppo debito: ed ora questo eccesso di debito andrà distrutto. In altre parole, i prezzi sui mercati oggi esprimono un valore complessivo del debito (ma pure il valore dell'equity può essere incluso in questa equazione: vi forniamo un esempio con il grafico qui sotto) che è troppo elevato, e non trova corrispondenza nei valori delle economie reali.

Come siamo arrivati a questo punto, ormai lo sapete tutti. Come se ne esce, non lo sa nessuno. Come ricavarne dei guadagni? Noi di Recce'd abbiamo qualche idea la proposito.

S&P_revenues_2016.png


Ma è importante tornare al punto precedente: una parte della ricchezza finanziaria oggi è fittizia, falsa, e andrà distrutta per restituire al sistema economico globale la capacità di crescere e svilupparsi.

Ne ha scritto, sul Financial Times, la settimana scorsa Ray Dalio, che è il fondatore di Bridgewater, il maggiore fondo HEDGE per dimensioni al mondo, con queste parole:

There are two important cycles to pay attention to — the business cycle, or short-term debt cycle, and the debt supercycle, or long-term debt cycle. We are seven years into the expansion phase of the business/short-term debt cycle — which typically lasts about eight to 10 years — and near the end of the expansion phase of a long-term debt cycle, which typically lasts about 50 to 75 years. It is because of the long-term debt cycle dynamics that we are seeing global weakness and deflationary pressures that warrant global easing rather than tightening.

Aggiunge poi Ray Dalio:

What I am contending is that there are limits to spending growth financed by a combination of debt and money. When these limits are reached, it marks the end of the upward phase of the long-term debt cycle. In 1935, this scenario was dubbed “pushing on a string”. This scenario reflects the reduced ability of the world’s reserve currency central banks to be effective at easing when both interest can’t be lowered and risk premia are too low to have quantitative easing be effective. Since we commonly understand why lowering interest rates stimulates debt and economic growth, and less commonly understand how QE works, I’d like to explain it. Our whole capital allocation system — banking and investing — is driven by spreads so that when they are large, QE works better than when they are small. QE works because those “risk premia” — which are the spreads between the expected return on cash and the expected returns on other assets such as bonds, stocks, real estate and private equity — draw the buying of investors who sell their bonds to the central banks during QE.

Concludendo poi:

That is where things now stand across the world’s reserve currencies, where the expected returns of bonds (and most asset classes) are relatively low in relation to the expected returns of cash. As a result, it is difficult to push the prices of these assets up and it is easy to have them fall. And when they fall, there is a negative impact on economic growth. When this configuration exists — and it is also the case that debt and debt service costs are high in relation to income, so that debt levels cannot be increased without reducing spending — stimulating demand is more difficult, and restraining demand is easier, than is normally the case. At such times the risks are asymmetric on the downside and it behoves central banks to err on the side of waiting until they see the whites of the eyes of inflation before tightening.

Questa è, a parere di Recce'd, la più efficace spiegazione del perché il 2015 è stato un anno di forti delusioni per chi investe, e del perché il 2016 sarà un anno di forte volatilità e di episodi di improvvisa illiquidità.