Il 2016 sarà l'anno del rischio

Ognuno può vederla come vuole: abbiamo letto nel weekend un grande numero di commenti impostati a partire dal fatto che le Borse "recupereranno sicuramente". Noi questo non lo sappiamo, quindi che dire? Buona fortuna.

Ci pare però che tra le caratteristiche del 2016 nessuno potrà negare che il rischio è quella che probabilmente dominerà: è certamente finita, già nel 2015, la fase di mercato del "tutto sale tutto insieme", la fase durante la quale l'alta marea ha portato in alto tutte le barche (anche quelle sfondate). Il 2016 sarà l'anno delle scelte (giuste o sbagliate), della movimentazione dei portafogli (tempestiva oppure ritardata) e sarà l'anno del test. Il test riguarderà soprattutto strategie e metodi di investimento.

E' vero che conviene sempre andare dietro alle dichiarazioni dei Banchieri Centrali? E' vero che le Banche Centrali hanno sotto controllo tutti i rischi di mercato? E' vero che l'economia internazionale è ancora in una fase di ripresa? E' vero che l'inflazione è scomparsa per sempre? E' vero che conviene andare dietro ai trend di mercato? Convinzioni che hanno dominato per anni il panorama, e che oggi sono sottoposte a una stringente verifica.