Borse di Occidente: quando rimbalzano? E cosa importa? (parte 2)

Momenti diversi di mercato, fasi diverse della storia economica, richiedono modi diversi di pensare, di ragionare, di affrontare i problemi. Per questo, solo pochi giorni fa, nel primo Post di questa serie, abbiamo scritto:

Il problema, secondo Recce'd, non è quello di "quando rientrare": il problema è quello contrario, oppure valutare con attenzione se vale la pena, viste le prospettive di rendimento, di tenere in portafoglio posizioni LONG di azionario. Vi ripetiamo, per una ennesima volta, che costruire un portafoglio partendo dalla cosiddetta asset allocation, in base alla quale "un tanto di azionario ce lo devo avere", è un modo di investire superato e dannoso.

I movimenti degli indici degli ultimi sei giorni ci hanno rafforzato in questa convinzione. Non è il momento giusto per dare alcunché per scontato, meno che mai un rimbalzo degli indici di Borsa. Che potrebbe esserci, sia chiaro, e legato alle motivazioni più strampalate: ma non è detto che sia una buona idea ricorrerlo. E' del tutto sbagliato trascurare le valutazioni, è del tutto sbagliato mettere da parte criteri di scelta solidi e collaudati per rincorrere un "trend di mercato" oppure una "dichiarazione del Banchiere Centrale". I portafogli di Recce'd, per queste ragioni, non inseguono in rimbalzo: e se ci sarà, sarà magari l'occasione per rivalutare i titoli e se del caso aumentare gli SHORT.