Il punto 2016 (parte 11): il debito Sovrano ed il default

Come è successo per le diversificazione (parte 10) anche per quello che riguarda il debito Sovrano si è registrata, negli anni dei QE, una notevole distorsione dei mercati finanziari. Nel caso del debito Sovrano, in particolare, abbiamo assistito alla scomparsa dei premi per il rischio di default: oggi su tutti i mercati i debito degli Stati vengono trattati a prezzi e rendimenti come se il rischio di un default non esistesse più. Questa è una grave distorsione, perché porta ad una mis-allocazione delle risorse finanziarie: i debitori meno in salute riescono a finanziarsi a tassi non di mercati, e grazie a questo si finanziano in misura maggiore, rispetto a quanto potrebbero e dovrebbero. Il punto su questa situazione viene fatto, in questi giorni, anche da Carmen Reinhart, autrice del volume di grande successo "This Time is Different" insieme a Ken Rogoff.

Reinhart in un articolo pubblicato da Project Syndicate afferma che:

When it comes to sovereign debt, the term “default” is often misunderstood. It almost never entails the complete and permanent repudiation of the entire stock of debt; indeed, even some Czarist-era Russian bonds were eventually (if only partly) repaid after the 1917 revolution. Rather, non-payment – a “default,” according to credit-rating agencies, when it involves private creditors – typically spurs a conversation about debt restructuring, which can involve maturity extensions, coupon-payment cuts, grace periods, or face-value reductions (so-called “haircuts”). If history is a guide, such conversations may be happening a lot in 2016.

L'autrice prevede quindi un forte aumento dei defualt Sovrani nel 2016. Perché? 

(...) global economic conditions – such as commodity-price fluctuations and changes in interest rates by major economic powers such as the United States or China – play a major role in precipitating sovereign-debt crises. As my recent work with Vincent Reinhart and Christoph Trebesch reveals, peaks and troughs in the international capital-flow cycle are especially dangerous, with defaults proliferating at the end of a capital-inflow bonanza.

Reinhart vede quindi nel quadro economico internazionale la causa principale di un probabile aumento dei defualt Sovrani. Viene subito da pensare, naturalmente, ai Paesi Emergenti, primo fra tutti il Brasile oppure all'Ucraina. Ma anche la Eurozona non deve essere ritenuta estranea a questa tendenza:

Greece’s situation, by contrast, is all too familiar. The government continued to accumulate debt until the burden was no longer sustainable. When the evidence of these excesses became overwhelming, new credit stopped flowing, making it impossible to service existing debts. Last July, in highly charged negotiations with its official creditors – the European Commission, the European Central Bank, and the International Monetary Fund – Greece defaulted on its obligations to the IMF. That makes Greece the first – and, so far, the only – advanced economy ever to do so. But, as is so often the case, what happened was not a complete default so much as a step toward a new deal. Greece’s European partners eventually agreed to provide additional financial support, in exchange for a pledge from Greek Prime Minister Alexis Tsipras’s government to implement difficult structural reforms and deep budget cuts. Unfortunately, it seems that these measures did not so much resolve the Greek debt crisis as delay it. 

Noi di Recce'd riteniamo del tutto transitoria, e non sostenibile, una situazione in cui non si pagano i premi al rischio sui debitori Sovrani: la storia insegna che il default di uno Stato non è affatto un evento improbabile. Lavoreremo quindi nel 2016 per trarre profitto da un allargamento degli spread, che sarà favorito anche dalla ridotta credibilità delle maggiori Banche Centrali.