Borsa di Milano e Borsa di Tokyo: due scommesse sbagliate (per chi le ha fatte)

Come vedete dal grafico sotto, tornando a 17000 punti il Nikkei stamattina ha cancellato tutto il rialzo 2015. Il FTSE MIB di Milano, invece, è tornato ai livelli di inizio 2014. Su quei livelli (di due anni fa) il Nikkei risulta in rialzo del 16%, ma va detto che nel frattempo lo yen sull'euro ha perso il 35%. Insomma: per chi le ha fatte, sono state due scommesse sbagliate, per non dire disastrose. Che cosa insegna questa esperienza? Abbiamo letto ieri questa frase: "le Borse si comportano come se non ci fossero le Banche Centrali". E' sbagliato: la verità è che le Borse ora si comportano come se le Banche Centrali non avessero il potere di gonfiare i prezzi in Borsa: e quindi, si comportano in un modo che corrisponde alla realtà dei fatti. Sono le prospettive delle Società, e non le Banche Centrali con la loro liquidità, che determinano quanto vale una Borsa. E quanto alle prospettive, per la stagione delle trimestrali USA che inizia oggi si prevede un calo degli utili del 7% circa, il calo più ampio dal 2009. Noi di Recce'd da sempre vi suggeriamo di guardare alla realtà delle cose, e non alle dichiarazioni dei funzionari delle Banche Centrali, per orientare gli investimenti. Non si investe in Borsa perché "non c'è niente altro da fare", è un errore.