Un primo sguardo al 2016: cinque domande a cui rispondere subito (parte 1)

Può sembrare troppo presto: ma non lo è, perché c'è una montagna di cose da fare. Nel 2015, questo ormai è chiaro, c'è stato un "punto di svolta pluriennale" (un major inflection point come avevamo scritto lo scorso 18 giugno) e le indicazioni operative di Recce'd le abbiamo chiarite con largo anticipo: il 20 giugno per "il grande imbroglio" dell'equity di Eurozona (di cui abbiamo scritto di nuovo ieri), e poi 4 e 5 luglio per le posizioni dell'intero portafoglio, e infine ancora il 24 e 29 agosto . Potete ritrovare facilmente il tutto utilizzando Google o un altro motore di ricerca. Seguendo quelle medesime indicazioni, il portafoglio RNI di Recce'd ha prodotto fino ad oggi più del 10% di rendimento lordo, risultato che potrebbe anche, di qui a fine anno, ridursi di qualche punto percentuale: ma che rende probabile anche quest'anno il raggiungimento del nostro target di rendimento (mantenendo il rischio al di sotto della soglia che comunichiamo al Cliente), come accade dal 2007, andando "contro il consenso" (su questo abbiamo scritto due Post il 20 agosto scorso). A chi si trovasse oggi con un portafoglio che lo mette a disagio, che produce risultati negativi, magari un "vecchio" portafoglio di asset allocation con un terzo di azioni e due terzi di obbligazioni, noi di Recce'd oggi SCONSIGLIAMO movimenti bruschi. Drammatizzare, oggi non servirebbe: la situazione si sta avvitando, e proprio per questa ragione è DIFFICILISSIMO dire che cosa capiterà nelle prossime settimane. Meglio portare a casa i danni che derivano da questa situazione, che fare altri danni con le proprie mani. Il suggerimento di Recce'd è invece quello di guardare già al 2016, e porsi da subito, da oggi stesso, cinque domande fondamentali

  1. come ho investito fino ad oggi? seguendo quale logica?
  2. con quali strumenti finanziari ho investito fino ad oggi? scelti con quale criterio?
  3. come ho gestito in anticipo i rischi, fino ad oggi? guardando a quali parametri?
  4. con chi ho investito fino ad oggi? seguendo quali consigli?
  5. ed infine: che obiettivi mi sono posto fino ad oggi? che cosa voglio fare veramente dei miei investimenti?

Noi di Recce'd abbiamo la nostra proposta, che è radicalmente diversa da quelle che fino ad oggi avere ricevuto, accettato e sottoscritto. Noi siamo a disposizione per parlarne, quando ne avrete l'intenzione e il tempo. Abbiamo cinque risposte facili ed efficienti già pronte per voi: tutte ispirate dalla frase che John Stuart Mill scrisse nel 1867: 

“Panics do not destroy capital; they merely reveal the extent to which it has been previously destroyed by its betrayal into hopelessly unproductive works.”