Rimbalzo delle Borse: che cosa c'è dopo? (parte 2)

In pochi sono in grado di sbilanciarsi oggi, sabato 29 agosto, su quello che ci aspetta la settimana prossima (Cina, dati USA per l'occupazione e BCE) o nel mese di settembre (Cina, Giappone, decisione della Fed sui tassi, crescita globale nel terzo trimestre). E' difficile, se non impossibile, dire come i maggiori indici (azioni, obbligazioni e valute) chiuderanno il mese di settembre e l'anno 2015: ad oggi, tutte le possibilità sono da prendere in considerazione, anche quelle che a inizio anno alcuni escludevano (Borse in calo, dollaro più debole, obbligazioni coi rendimenti ancora in calo). Questa prolungata e diffusa incertezza non può essere affrontata legandosi a schemi obsoleti (come la asset allocation statica), strumenti superati (come i Fondi Comuni long only) e Reti commerciali che impongono ai propri collaboratori piani di vendita centrati sui prodotti finanziari a margine più elevato. E' questo il momento giusto per cambiare, prima e non dopo che i danni si siano materializzati nei vostri portafogli.  In questo momento, più che stare a sentire chi vi dice "i mercati saliranno" oppure "i mercati scenderanno", occupatevi della vostra strategia, del MODO in cui investite il vostro patrimonio e degli strumenti che utilizzate. Qui sotto vi diamo alcuni suggerimenti, che potrebbero essere utili per affrontare gli ultimi quattro mesi del 2015 ed anche il 2016.

Un primo suggerimento che vogliamo ripetere qui è di diffidare di quello che altri hanno definito "ottimismo di maniera", un ottimismo che deriva dagli obiettivi di vendita e non da una attenta, scrupolosa e quotidiana analisi dei dati e dei mercati: "There had been too much certainty lately; too much money chasing too few stocks; too many market pundits and investment professionals confusing brains with a bull market. There’s a fault line under Wall Street — the fault is our greed, overconfidence, self-deception. Investments are sold, not bought — ultimately a bullish case is made so many times and becomes so widely believed, and the foundation quakes."

Secondo suggerimento: è del tutto sbagliato credere che tutte le fasi di ribasso dei mercati sono solo negative. Come abbiamo diffusamente analizzato e illustrato in altri Post, non è un bene per nessuno se il rialzo dei mercati è un rialzo artificiale e distorto: Be happy that stocks suffered a correction. Sigh in relief that global markets blew off their froth. Now we’re seeing a recovery attempt. Rebounds are reassuring. That’s what people do after an upheaval to their lives; they take steps to rebuild. Stock markets, governed by our emotions, are no different. Yet recovery frequently is marked by relapse, so you can expect global markets to seesaw and even slip back into correction territory — a 10% or worse decline — until stock prices align with expected economic growth and corporate earnings.

Altro suggerimento: da un punto di vista operativo guardate ai ribassi come a una opportunità, specie per chi si è fatto trovare non troppo pieno, non troppo carico di rischio: For individual investors, the market's slide presents an opportunity. Namely, it's a chance to review your portfolio's diversified exposure to stocks. If the percentage is high, trim back to the asset-allocation range for stocks that you’ve set — even if you've missed selling at the top. This way you’ll have cash on hand to keep you calm and provide the capital to scoop up bargains from your wish list. (Be sure to have a wish list.). And if your allocation to stocks is too low, then cheaper prices are an invitation to increase your equity exposureRemember, the market’s trend may be your friend, but Mr. Market isn’t. So finding a comfort level with how Mr. Market is feeling today can come only from one source: you. 

Quarto suggerimento: non fidatevi di chi dice che gonfiando i prezzi sui mercati finanziari si aiuta l'economia reale: è del tutto falso. In the short run, price increases look like good news. Investors give each other high-fives. Commentators blab about the ‘strength of the economy. And the public believes it is better off. But mispricing capital assets is a sophomoric mistake. As we have seen — in China and the U.S. — it draws real resources into dumbbell investments and overproduction. And now that Mr. Market is beginning to speak his mind, the authorities are rushing with more gauze and duct tape.

Quinto suggerimento: non è detto che comunque andrà a finire tutto bene, e quando fate le vostre scelte di portafoglio dovete sempre prendere in considerazione tutti gli scenari, e non un solo scenario (e meno che mai lo scenario più ottimista). The economy rolls over at a time of the maximum level of easy monetary policy and asset values are expensive, Things get toxic when the market stops believing central banks can sort out the mess, such as with the Fed in 2008.

Il nostro suggerimento più importante riguarda però la strategia: affidatevi a strategie diverse dalla asset allocation statica, quella che arriva sempre a proporvi il 30% di azioni ed il 70% di obbligazioni, mettendo dentro un po' di questo ed un po' di quello e poi ... "aspettiamo e speriamo che i mercati salgano". Quella non è una strategia di investimento, quella è solo una tecnica di vendita.  The missing ingredient for this market all along is some diversity in trading and risk-management style across the whole industry, instead of blind faith in all the same trading models. What we actually need, to add liquidity and normality to the markets, is a return of the old-fashioned trading god. The superhero who would stand in when a price reached ‘stupid’ levels and pick it up with both hands rather than selling more because the money management model is telling him to reduce exposure, even if it is at stupid levels. 

Ancora un suggerimento: diffidate di chi vi consiglia di andare sempre e comunque dietro a quello che dicono le Banche Centrali: le Banche Centrali c'erano pure nell'anno 2000, e anche nell'anno 2007, ma non hanno potuto bloccare il crollo dei mercati globali.  It is alarming that Bridgewater boss Dalio’s affirmed that the Fed is lining up for another round of QE. (...) There’s easy money everywhere. Both Japan and Europe are in “maximum easing mode,” and China devaluing its currency as fast as it can. The U.S. isn’t at full easing, but it’s pretty close with interest rates at zero. Because of the blind buying in the market and investors seeking simple equity exposure due to the friendly Fed, such behavior was rewarded with market-wide multiple expansion. (...) Positioning for the Fed to be more dovish than you think has worked pretty well in the last decade or so This positioning, however, is part of the source of danger to market stability, since it means that any ‘less dovish’ comment or action is magnified, because it comes as a surprise

Ultimo consiglio: diffidate di chi vi dice di buttarvi sui rimbalzi delle Borse,come quella storia su Bloomberg di un day trader giapponese (ovviamente: anonimo) che ha fatto utili per 34 milioni di dollari in tre giorni: quelle sono "leggende metropolitane" ad uso e consumo dei media “Forget buying the dips. Sell the rips...Why not? Because the biggest rallies in history have come during bear markets. It’s that simple,” He notes these factoids from a USA Today article written during the 2008 meltdown: Four of the top five all-time point gains for the Dow and ten of the biggest point rises for the Nasdaq Composite occurred 2000-2002 bear market. We often say a bull market is one that does not stay down long enough to cover your shorts, and a bear market is one that does not stay up long enough to trade out of your longs, It gets to a point where nobody wants to buy the rip, because you want the market to settle; then as it moves even higher you buy, only to be left with nothing as it moves lower.