2014: no easy money

I temi che domineranno il nuovo anno, saranno, con ogni probabilità, molto diversi da quelli che hanno caratterizzato il 2013. Il 2013 resterà nella memoria come l'anno dei records (degli indici di Borsa negli USA, dell'indice DAX, delle nuove emissioni corporate) mentre nel 2014 ci aspettiamo che tornino di attualità vocaboli come rischio, volatilità, valutazione, e quindi che torni a occupare un ruolo centrale nella gestione di portafoglio la competenza dei gestori, laddove nel 2013 ha prevalso la gestione passiva e quindi il comparto dei fondi long-only. Quanto ai targets per fine anno (2014), è un gioco che non ci interessa, e ne abbiamo letti tanti (troppi) nelle ultime settimane perché abbia un senso esercitarsi. Siamo del parere che la performance dei portafogli nel 2014 8e anche negli anni successivi) si costruirà non guardando al valore di fine anno degli indici, bensì movimentando in modo appropriato il proprio portafoglio nel corso dell'anno. A quel punto, dove si troveranno gli indici a dicembre 2014 diventa un fatto secondario.