2014: le Banche Centrali divergono

Fin da dopodomani (9 gennaio), con la riunione di BCE e BoE, risulterà evidente quello che è uno dei tratti più forti, e innovativi, del nuovo anno: le politiche della maggiori Banche Centrali delle Economie Sviluppate, dopo cinque anni, nel 2014 torneranno a divergere. Dopo un'epoca di universale ed incondizionata espansione monetaria, la BoE ha già fatto più di un passo indietro, e la Fed a dicembre ha avviato l'ìoperazione di rientro dalla politica di QE. La BCE e la BoJ sono attese dai mercati a nuove iniziative espansive, per contrastare le difficoltà delle due aree economiche (alto debito e debole domanda interna), ma sulle prossime scelte di queste due Bnache Centrali peseranno in modo decisivo le evoluzioni degi mercati finanziari, ed in primo luogo le dinamcihe sui mercati valutari per euro e yen giapponese. Una situazione imprevedibile per deifinizione (non ci sono precdenti storici con i quali confrontare la fase attuale) che inevitabilmente porterà ad un aumento di volatilità sui mercati.